Orchestra residente 2022 – 2024

L’Orchestra Mozart nasce nel 2004 come progetto speciale dell’Accademia Filarmonica di Bologna, sotto la cui egida svolge a tutt’oggi le proprie attività. La compagine è costituita dalle prime parti delle più prestigiose orchestre internazionali, cui si affiancano giovani talenti provenienti da ogni parte d’Europa. Nei suoi anni di attività ha collaborato con importanti istituzioni musicali, come il Teatro alla Scala di Milano, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, il Musikverein di Vienna, il Concertgebouw di Amsterdam, la Royal Festival Hall di Londra e la Salle Pleyel di Parigi.

Segno distintivo dell’identità dell’orchestra è la costante tensione volta a combinare lo spirito sinfonico con l’animo cameristico, ovvero quell’arte di esercitare l’ascolto e la condivisione fondamentali nella musica da camera. Per questo, in parallelo al grande repertorio sinfonico,
l’Orchestra Mozart ha da sempre coltivato quello cameristico, attraverso la proposta di concerti per organici variabili, dal trio all’ottetto, a piccoli ensemble, cui hanno partecipato di volta in volta, come Solisti dell’Orchestra Mozart, prime parti e musicisti dell’orchestra.

L’Orchestra Mozart è stata diretta fin dalla sua nascita e per i successivi dieci anni da Claudio Abbado. Nel 2014, in seguito alla scomparsa del Maestro, l’orchestra ha interrotto le sue attività, per riprenderle nel 2016 attraverso un’importante campagna di crowdfunding, promossa dall’Accademia Filarmonica di Bologna e sostenuta con forza e dedizione dagli stessi musicisti.

Dal 2017 al 2019 l’orchestra è stata diretta da Bernard Haitink nei concerti di Pasqua a Lugano, ospite ogni anno in residenza artistica di LuganoMusica, e nei giorni successivi a Bologna.

Nel 2019 l’Orchestra Mozart ha individuato una nuova importante guida in Daniele Gatti. Come suo Direttore musicale, Gatti ha fin da subito puntato ad allargare il repertorio dell’orchestra, rivolgendosi sia al primo Novecento, sia alle composizioni meno frequentate del tradizionale repertorio ottocentesco. Con il suo prezioso lavoro, Gatti sta aggiungendo nuovi tratti distintivi all’identità dell’orchestra, sia sul versante dell’approfondimento analitico e della trasparenza, sia su quello dell’immediatezza comunicativa dell’esecuzione.

Da settembre 2022 l’Orchestra Mozart sarà ospite di Ferrara Musica per una residenza artistica triennale; in quest’ambito svilupperà, con il suo Direttore Musicale Daniele Gatti, un importante progetto che prevede l’esecuzione integrale delle nove sinfonie di Beethoven. Il ciclo beethoveniano prenderà il via con la Terza Sinfonia, che sarà eseguita, insieme a Metamorphosen di Richard Strauss, al Teatro Comunale di Ferrara (28/09).

© Marco Caselli Nirmal